LE GRANDI PAURE

Il Primo Ministro, nell’appropriata sede del congresso dei notai, propone il tema delle risorse energetiche rilanciando il nucleare. Del quale ammette, però, di avere paura. Come continua ad aver paura del comunismo, che in Italia è un problema che pesa non poco per un liberale come lui.

I notai, chiusi i lavori, hanno redatto un documento in cui dichiarano di avere paura degli atomi di neuroni liberali del Premier.

35 commenti su “LE GRANDI PAURE”

  1. Ciao a tutti,

    rassegnamoci, siamo in campagna elettorale, e fino ad aprile/maggio saremo martellati da proclami che, spesso, saranno espressi fuori del contesto logico…

    Probabilemte, durante il congresso dei notai, i neuroni del premier erano andati a farsi un lifting e un traopianto di capelli…

  2. I suoi martellanti proclami non sono mai stati espressi in contesti logici!

    Le ha sempre sparate un po’ a caso ogni volta che gli avvicinavano un microfono alla bocca!

  3. direi che non sono pochi i neuroni che sono andari a farsi benedire, altri sono andati a put…: ed era meglio se ci restvano direi, saluti da piazza san marco, La Dogaressa, Patrì

  4. Dania , il tuo corpo mi colpisce ed il tuo pensiero altrettanto! Diciamo pure che si e’ creata una sinergia performante!

    Cazzo! Frena PC1969! Non vorrai mica diventare come il “nuovo flaccido collega”! :-)))

  5. sotto l’articolo di Repubblica c’è lo sponsor di Cesare Ragazzi…sarà un caso?

    ciao

    Ch.

  6. Alle ore 8,45 ho ricevuto sms hard anonimo di uomo che voleva trombarmi. Dopo avergli risposto che non la do mai agli sconosciuti il venerdì, mi riscrive che me l’ha leccata un paio di anni fa dietro un albero ad una festa….

    E ci ha messo due anni per chiedermi di rivederci???

    Non dev’essere un uomo dalle facili decisioni…

    Che razza di venerdì

  7. il problema è che se continuo a dire itinerari segreti prenotazioni rispondere al telefono in alternanza l’anglofrancospagnolo e a volte anche “pollacchio” e dire meeting point all’interno a sinistra, perdo la mia verve, allora preferisco “leggerti”!

  8. Ragazzi, si vede che è venerdì e che stiamo tutti al cazzeggio totale! Dania, se uno sconosciuto ti ha mandato un SMS hard vuol dire che aveva il tuo cell. Mi dai il numero così posso emularlo? Però poi dobbiamo organizzare una festa con un albero, altrimenti…

  9. …dania, se me la dai oggi che è venerdì ti prometto che tra 2 anni ti mando un SMS anonimo e ti chiedo di leccartela dietro un albero ad una festa..;-))

  10. Probabilmente gliel’avrò dato dopo il rinfrescante incontro bucolico alla festa.

    Forse era timido…ci ha dovuto pensare un po’..perché una cosa è leccare nascosti da un albero, un’altra conversare a cena con una donna.

    Ha aggiunto che mi ricorda molto bella e che vorrebbe riprovare il mio sapore: gli ho detto che dopo due anni rischio di aver già superato la data di scadenza :)

  11. Eh Beh..

    Dania e’ femmina!

    Cos’e’ una femmina ?

    Qualche metafora , da Ligabue , per spiegarlo :

    Femmina come la terra

    Femmina come la guerra

    Femmina come la pace

    Femmina come la croce

    Femmina come la voce

    Femmina come sai

    Femmina come puoi

    Femmina come la sorte

    Femmina come la morte

    Femmina come la vita

    Femmina come l’entrata

    Femmina come l’uscita

    Femmina come le carte

    Femmina come sai

    Femmina come puoi

    Adoro le femmine !!!!!!!!

  12. Ehi, ma non vi sembra di essere un po’ OT? Capisco che è venerdì, ma non ditemi che non ci sono commenti (anche le parolacce vanno bene) da indirizzare al nostro, mi consenta, adorato premier, un presidente operaio!

  13. Dania: io posso proporre scollature e guepiere quanto voglio ma lE mie colleghE gradiscono poco (a parte una sudamericana che stanca di vedermele se ne è tornata a casa sua a rifarsele e per natale torna in italia dal marito con i gioielli nuovi!!!) non sono colleghe aperte… in nessun senso a mio parere!!!!!! mentre i turisti e le guide di piazza son sempre felici di vedermi! :-) buon fine settimana! patrì

  14. ma pensa te!! dania… ma che ci fai tu a noii!!! ahahhah!! basetti, patrì

    cmq poeta: mi chiami Dogaressa!!! :-)

I commenti sono chiusi.