rientri

Dopo il rientro da un bellissimo weekend a Londra, cosa potrebbe rovinare la piacevole sensazione di entusiamo e benessere che ti avvolge caldamente?

1. Il Governo da te votato che sguazza ancora nelle acque paludose della crisi.
2. La tua carta di credito che chiede il divorzio, dopo aver speso in tre giorni più di quanto hai guadagnato in un mese.
3. L’ennesima edizione del Festival di Sanremo alle porte.

65 commenti su “rientri”

  1. La carta di credito è facile cambiarla.

    Per il governo c’è poca speranza di rinnovamento e comunque l’alternativa sarebbe certamente peggiore.

    Per Sanremo abbiamo perso ogni speranza da decenni.

  2. Ma diciamo anche l’uso sempre piu’ sconsiderato dei video telefonini per far vedere le proprie bravate via internet…

    Oppure il papa che comanda a noi italiani e si ce ne sono…

    Ben tornata!!!!!!!!!!!!!

    Adie

  3. In compenso è quasi l’8 Marzo, è quasi Primavera e Andreotti non potrà vivere in eterno. ogni giorno in più è un passo verso il mortal sospiro.

    Mary

    ps lo so vedo sempre il bicchiere mezzo pieno, soprattutto se ne ho già bevuti diversi…

  4. La carta di credito, oltre al divorzio, chiede gli alimenti.

    La cosa positiva è che non possono togliere nulla a chi no ha nulla.

    Quanto a Sanremo con il Pippone nazionale, ho già i brividi….

  5. Ma se andare ti costa così tanti sacrifici economici, stare a casa no?

    Cioè, voglio dire, delle due, l’una: se non ne hai, non ne spendi, se ne hai pochi e ne spendi, cazzo ti lamenti, mica ti hanno obbligata ad andare in gita!

    Quanto al governo: a parte il gigantesco luogo comune sulla coerenza, tu, coerentemente con il tuo status di lavoratrice precaria, preferiresti quel manipolo di precarizzatori capeggiati dal Nano?

    Quanto a Sanremo: non perdo l’occasione per perdermi ogni puntata, approfondimento, trasmissione correlata, articolo giornalistico, chiacchiera al bar & annessi & connessi da quando possiedo una certa forma di coscienza di me stesso, perciò non posso, in questo caso, che condividere la tua opinione. Almeno questa.

    Skafra@freemail.it

  6. mmm..governo nei guai..cartadicredito pure..sanremo ale porte..consoliamoci guardando il tuo culo,và!

  7. Inutile?

    Che te ne fai di un blog se tutti coloro che ci postano, per le ragioni più disparate, sono sempre daccordo con te?

    La mia è un’opinione, legittima quanto la tua, confutabile quanto la tua e quanto quella di tutti coloro che postano qui per simpatia nei tuoi confronti, per ammirazione nei confronti dei tuoi glutei o quant’altro. Se non sei daccordo puoi sempre spiegarmi per quale motivo non lo sei, non trovi?

    O no?

    Skafra.

  8. Il brutto di San Remo sai qual è?

    Che anche se lo ignori completamente bruciando il tasto uno del telecomando te lo ritrovi comunque dappertutto…

    Sui giornali…sui tg…su internet…sui blog…

    E’ un incubo…

  9. Sanremo… Sanremo ……. SANREEEEEEEMO!!!!!

    aaaaaaargh…..

    vengo su sto blog e si parla di sanremo………

    ……vado a farmi di camomilla….

    digitareS.

  10. era un sacco che non passavo sul tuo blog.

    lo adoravo, ti adoravo…peccato.

    dovevi per forza uscire dall’anonimato?

    per me eri tutte le fighe simpatiche del mondo.

    ach, tra te e la caduta del governo non ho più riferimenti.

    meno male che sanremo c’è sempre.

    Parolino

  11. Cara (caro?) Skafra, come tu ti arroghi il diritto di venire sul mio blog a fare l’acido provocatore e a insultarmi (velatamente, certo… tu sì che rispetti la mia opinione :) io mi arrogo quello di risponderti, ritenendo la tua sentenza sul mio viaggio, inutile quanto ridicola.

    Per inciso, il viaggio a Londra era un regalo di compleanno e la città è cara per tutti (è quasi un luogo comune, suvvia…se sei mai uscito dal cerchio del tuo naso, dovresti saperlo). Sfido chiunque a passarvi 3 notti e spedere poco foss’anche per cibarsi soltanto.

    Quindi, venirmi a dire che mi lamento perché a Londra si spende molto (lo fanno tutti, giapponesi esclusi) e che farei meglio a rinunciare a viaggiare per risparmiare è come dire che è meglio non fare sesso per evitare il rischio di pruriti.

    Quanto poi alla legittimità della tua affermazione non ci piove: come lascio i commenti a disposizione di tutti, per dire quello che pensano (nel tuo caso cazzate), così li lascio a me stessa per rispondere. Il fatto che la linea del mio blog sia “piuttosto democratica” non vuol dire non rispondere a tono quando il solito censore di turno viene a farti la morale su come vivere.

  12. Certo, Dania, che sei davvero irascibile.

    Non ti nascondo che il fatto che tu sia passata dal manifestare una tua opinione -inerente la legittimità a viaggiare con annesso legittimissimo invito a occuparmi degli affari miei- al giudizio sulle altrui (mie) opinioni, mi sorprende oltre che infastidirmi.

    Non foss’altro perchè le giudichi rispetto alle tue.

    Pazienza, evidentemente ritieni che l’unica morale ammissibile sia quella che tu propini ogni giorno ai tuoi lettori.

    Stesso discorso quanto alle provocazioni. Solo le tue contenute in abbondanza in queste pagine sono ammissibili.

    Ho il vago sospetto che tu, più che esserci, ci faccia. E qui, per rispetto a tutti gli altri lettori cui credo possa francamente fregare un emerito niente delle nostre divergenze d’opinione, chiudo -curioso di rileggerti- qualsiasi sia la tua risposta.

    Skafra.

  13. Cara (caro?) Skafra,

    credevo di essere stata piuttosto esauriente.

    Il fatto che lasci libero chiunque di esprimere cosa pensa di me e giudicare il mio pensiero (dovrebbe essere iil fine di ogni blog), non vuol dire che io sia aperta all’accettazione incondizionata di ogni critica (soprattutto se pretestuosamente polemica) né che consideri ogni opinione di estranei costruttiva (cosa che credo -e spero- non faccia nessuno).

    Come tu ti sei sentito libero, allora ed ancora, di giudicare il mio scritto senza giri di parole, così io ho ritenuto opportuno dirti cosa pensavo del tuo intervento.

    Quanto alla gerarchia della morale che tu tiri in ballo (Pazienza, evidentemente ritieni che l’unica morale ammissibile sia quella che tu propini ogni giorno ai tuoi lettori.), mi par ovvio, senza eccesso di sforzo cerebrale, intuire che chi utilizza la rete per esprimere opinioni -belle, brutte, giuste o sbagliate- come faccio io, lo faccia per il semplice motivo che le ritiene corrette e desidera divulgarle.

    Francamente, trovo sempre superflue le rivendicazioni di chi si reca su un blog personale, che ha un’impronta fortemente autarchica, per piangerne la carenza di parità tra idea del blogger – idea del pubblico.

    Soprattutto nel caso tuo, che arrivi con il dente avvelenato da estrema sinistra (oddio, una blogger che dice male di noi! Una donna esibizionista che insulta l’onore della nostra scelta coerente!).

    Immagino che infastidito dal mio giudizio sulle altrui (mie) opinioni, e irritato, non tollererai una mia ulteriore replica.

    Del resto, nel tuo coerente mondo, è concepibile andare sul diario di una donna qualunque a dirle che ritieni le sue opinioni tutte sbagliate (eccetto Sanremo, che almeno consideri intollerabile anche tu!) ma non altrettanto plausibile ricevere dalla stessa una risposta sullo stesso tono alle tue opinioni.

    Detto questo, non so come essere più chiara. Per ulteriori delucidazioni, ti invito a chiamare il nostro call center.

  14. dottore’… ma che t’aspettavi che tornavi in italia e ti trovavi un governo di sinistra? sinistra e basta, dico… (pardon, dimenticavo che ora è buona educazione evitare l’uso di quella parola)

    quanto a sanremo, cerco di vederne i lati positivi: è uno dei pochi periodi dell’anno in cui è possibile beccare qualche film decente in televisione.

    bentornata :)

    clarky

  15. per il governo ..un velo pietoso

    per sanremo ..un velo pietoso

    per la carta di credito…. si chiama cosi’ per questo no? e allora che divorzia a fare!!! non e’ mica lei a esser cacciata a calci in culo da mia moglie,,, che non potra’ piu’ rifarsi le unghie, le tette, il culo…. MA CHE SE NE ANDASSERO TUTTE E DUE INSIEME.. cosi’ i miei soldini li spenderei per le tue belle chiappette….

    un bacio tuo Isidoro

  16. Vi consiglio (e non si dovrebbero mai dare consigli se non dietro espressa richiesta, e anche in quel caso con assoluta parsimonia!) di ascoltare la Gialappa’s che commenta Sanremo su Radiodue.

    Perlomeno qualcuno che grida “mavafanculo” quando alcuni loschi figuri spacciati per cantanti rantolano su un palco…

    😉

    Ajejebrazov

  17. #35

    e comunque sarebbe stato almeno il caso di dire “buonasera!”

    eccheccazz, almeno l’educazione!

    Ajejebrazov

  18. ciao dania spero ti sia divertita a londra. raccontaci un pò ciò che hai fatto o visto se ti va, almeno per chi intende andarci.

    ricorda, perchè sanremo è sanremo…

  19. oh mamma.

    domani è il primo marzo e il mio dania-calendario finisce a febbraio…

    dottoressa salvaci tu.

    con fiducia (quanto ne abbiamo bisogno… dalla quotidianità alle istituzioni!),

    andrea

  20. si vede che a marzo non le hanno rinnovato il contratto.. il calendario è precario non per nulla…

    zeus

  21. Il calendario, a causa dell’eccessiva precarietà del momento, alla quale contribuiscono anche le istituzioni, subirà qualche ritardo….

    E’ un calendario precario e come ogni precario che si rispetti non fa progetti.

  22. :O e c’era una ragazza a san remo che strillava, nel pieno di una canzone, show must go ooooon…mMm sarà per questo che sui giornali parlano di Pippo come un bolscevita…

  23. Sulla mastercard e gli alimenti già mi sono espressa. Ma non c’è niente di meglio che bruciarsi il guadagno di un mese in tre giorni per tirarsi su il morale (temporaneamente, d’accordo). Piuttosto, qualcuno mi aiuta a disnnescare gli sms della mia banca che mi tormentano tutte le volte che sfodero il bancomat? Tanto non la smetto.

I commenti sono chiusi.