Io sono nata fortunata

Io sono nata fortunata.
Sono fortunata perché il mio mondo è grandissimo, pieno di posti che posso visitare, facili da raggiungere e da conquistare.
Sono fortunata perché nel luogo in cui sono nata posso pensare tutto quello che voglio, anche le cose più stupide o atroci, o le cose più brillanti e coraggiose, e dopo aver pensato quello che voglio, posso dire quello che voglio, senza che nessuno mi possa fermare.
Sono fortunata perché mi hanno dato un libretto di carta, che si chiama passaporto, che dice che sono un essere umano per bene. Io non ho fatto niente per meritarlo, questo libretto di carta che dice che sono proprio per bene. Me l’hanno dato perché sono fortunata. Sono nata qui e non altrove, in quegli altrove dove sei scalognato solo a nascerci e se sei nato lì, tuo malgrado, devi essere proprio una brutta persona.
Non ho fatto niente per meritarmi di decidere dove voglio stare e lavorare. Non ho fatto niente, ma proprio niente di niente, per essere libera. Non ho guadagnato il mio posto al sole e , se voglio fare la turista – che bello fare il turista! – e conoscere e parlare con le persone e prendere aerei e poi tornare e, se una volta tornata, voglio rifare le valigie e andare a costruirmi una vita a Parigi, Berlino, Londra e anche più lontano, posso farlo. E magari può andarmi male e niente da fare, devo riprendere un aereo o un treno e tornare a casa mia, ma sono fortunata perché posso fare un viaggio comodo e tornare viva. Che essere vivi è bello.
Sono fortunata perché ho questa bella pelle bianca, che a esporla al sole si scotta facilmente, e ho un codice alfanumerico che si chiama fiscale e che dice che ho dei diritti. Sono fortunata perché qui si sta bene, c’è il sole e il cibo è buono e la gente a volte è bella e a volte no, ma le volte che non lo è, che è cattiva, disumana, violenta, pericolosa, intollerante, quelle volte lì, io credo che lo sia solo perché è distratta e non si è resa conto che la fortuna è solo un caso e non è mai, mai un merito.

6 commenti su “Io sono nata fortunata”

  1. Questo post l’ho stampato (con la tua firma) e attaccato sulla sulla parte interna della porta del mio appartamento perché lo possano leggere le mie figlie e gli amici delle mie figlie.

  2. Sento il tuo respiro senza usare i miei sensi, sono fortunato anche io.. Ogni ultimo soffio esalato da quelle anime si sposta nell’indefinibile di cui un giorno tutti noi che ignoriamo, faremo parte. Il tuo sguardo interiore mi affascina, stai diventando una bambina vera, quella che hai sempre sognato di essere mentre eri “adulta”. 1|\||\|3.-3Z 4|_|93

  3. Una distrazione spesso imperdonabile.
    Ricordo di essermi sentita meno fortunata quando, giunta in una grande città da un piccolo paesino, mi sono resa conto di essere arrivata alla maggiore età senza aver avuto la possibilità di fare delle esperienze culturali/sociali che invece ai mie coetanei nati lì piovevano addosso da sempre.
    Mi sembrava di aver perso qualcosa senza che nessuno ne fosse responsabile, ma la vita mi ha dato la possibilità di recuperare.
    Ma come si fa a condannare chi chiede solo di recuperare la propria sopravvivenza?!
    Una bambina ieri è morta fra le braccia della madre perché le avevano gettato in mare lo zainetto con l’insulina. La madre aveva pagato per una speranza ed in cambio ha ricevuto la peggior morte, quella di chi sopravvive alla propria vita.

  4. Sì, Fra’,
    è una storia terribile, che dovrebbe smuovere le coscienze cementate di chi ha dimenticato come eravamo e che forse non ci riuscirà e domani sarà solo una notizia dimenticata.

  5. È bello sapere che c’è ancora qualcuno in questo paese con un’anima. A volte incontro colleghi di lavoro e compaesani, veneti, e mi vien voglia di scappare (che poi, a parole, son tutti cristiani)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.