Le déjeuner sur l’herbe (avec le fromage)

A vent’anni abitavo a Parigi.
Ci ero finita per fare un Erasmus di nove mesi e mi sono fermata due anni.
È stato un periodo bellissimo e intenso, tra quelli che ricordo con più nostalgia, non solo perché avevo l’età delle possibilità e dell’entusiasmo, l’incoscienza e la leggerezza della gioventù, ma anche perché ho sempre trovato quella città magica, forse la prima in cui mi sia sentita davvero a casa.
Parigi mi somiglia, perché è riservata, ma socievole, perché sa essere austera, ma anche molto festaiola, perché può essere elegantissima, ma anche sciattissima, senza perdere fascino, perché dà sempre il buongiorno, ma non è obbligata a fare due chiacchiere, perché è normale andare al cinema da soli, magari a una matinée, bere un bicchiere di vino ai tavolini tondi dei bistrot in compagnia soltanto di un libro, perché è fatta di mille etnie, odori, sapori eppure ha una sua fortissima identità.

Una delle cose che amavo di più, era l’abitudine francese di correre a fare pic-nic ogni volta che usciva un raggio di sole. I parchi, i boschi e gli spazi verdi sono presi d’assalto, nelle belle giornate, anche in quelle ancora poco tiepide, da famiglie, gruppi di studenti, lavoratori in pausa pranzo, turisti, tutti con la baguette sotto il braccio, i fiaschi di vino, i cestini di vimini pieni di cibo e i plaid a quadroni per potersi stendere sull’erba.

L’amica che veniva più spesso con me a pique-niquer era esperta di “dadolamento” della frutta. Preparava delle porzioni di frutta tagliata e pezzi e spesso si limitava a mangiare solo quella, lasciando il resto. Quando le ho suggerito di aggiungere alle sue macedonie anche dei cubetti di formaggio c’è stata la svolta nei nostri pranzi all’aperto. Perché lei ha iniziato a preparare delle grandi insalate di formaggio e frutta e null’altro.
Insomma, al parigino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere.

Ancora oggi, per rinfreschi veloci, pranzi in spiaggia e scampagnate, io preparo gli spiedini colorati, con frutta fresca o secca e pezzi di formaggio.

Per una porzione per una persona (circa tre spiedini) occorrono:

1 fetta di formaggio stagionato Pamigo Bayernland*
1 kiwi
1 mela farinosa
3 rondelle di ananas fresco
4 prugne secche
4-5 fragole
3 bastoncini di legno per spiedini

ingredienti spiedini

Tagliate a dadi grandi il formaggio e a spicchi la mela, l’ananas e il kiwi (io lascio le fragole intere e scelgo prugne denocciolate), poi infilzate tutto sugli spiedini alternando a piacere la frutta e il formaggio. È importante fare attenzione a non rompere gli ingredienti, per un risultato migliore. Conservate gli spiedini in frigo, fino a mezz’ora prima di consumarli, e serviteli lisci o con del miele.
Veloci e freschi.

Non vi fanno venire voglia di una gita?

spiedini al pamigo

Potete mangiarli anche al sole del balcone e sentirvi comunque a Parigi.

Bon appétit!

*Post in collaborazione con Bayernland.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.